Le ricette di Natale nelle Marche

Scopri il menù di Natale con #destinazionemarche

Il Natale nelle Marche è magico e soprattutto goloso. Tante sono le preparazioni e le specialità tramandate nel tempo, ciascuna legata ad una particolare zona del territorio. Seguiteci alla scoperta delle ricette che mamme e nonne marchigiane preparano con cura per celebrare le festività in una raccolta di alcuni piatti tipici della Vigilia di Natale e del grande pranzo natalizio.

Cliccando sulle singole pietanze troverete la ricetta per potervi cimentare anche voi nella preparazione di questi succulenti piatti.

[Leggi l’aggiornamento 2017 del menù di Natale]

La Vigilia di Natale

La Vigilia di Natale vede protagonisti deliziosi piatti di pesce. Immancabile lo stoccafisso all’anconitana servito solitamente con pomodori e patate stufate. Non mancano spaghetti al sugo di magro, conditi con una salsa a base di pomodoro e acciughe. Da nord a sud sono presenti il brodetto, con le sue molteplici varianti territoriali e il baccalà al forno, che arricchiscono la tavola con i loro sapori e profumi di mare.

Stoccafisso all'anconitana

Stoccafisso all’anconitana

Il brodetto di pesce di Porto Recanati

Il brodetto di pesce di Porto Recanati

Baccalà al forno

Baccalà al forno

Il Pranzo di Natale

1. I primi

I re della tavola di Natale marchigiana sono i cappelletti in brodo di cappone o gallina. Gustosi e immancabili, vengono preparati a mano da tutta la famiglia riempiendo sottili sfoglie di pasta con un ripieno di carni varie (maiale, manzo, pollo e prosciutto) condite con abbondante parmigiano. Potete trovare un’ottima ricetta fotografata passo passo dal blog “La creatività e i suoi colori”.

cappelletti-in-brodo-marche

Nel pesarese i cappelletti vengono spesso sostituiti con i passatelli. Si possono cucinare in brodo di gallina, ma sono ottimi anche asciutti, magari con una salsa ai funghi o con del tartufo di Acqualagna. Ecco la ricetta dal blog “La creatività e i suoi colori”.

passatelli-in-brodo-marche

Ma il filo rosso che unisce gran parte di questa regione è il ricchissimo piatto dei vincisgrassi, una speciale pasta al forno fatta con strati di pasta all’uovo sottile, condita con un ragù dal profumo intenso e arricchita con la besciamella che lega tutti gli ingredienti in una piacevolissima esperienza culinaria. Ecco la ricetta dal blog “La creatività e i suoi colori”.

vincisgrassi

Non mancano poi i maccheroncini di Campofilone, altro top della tradizione. Di solito sono al sugo nella ricetta classica, ma si prestano a gustose varianti, come quella al prosciutto e limone.

maccheroncini-di-campofilone

2. I secondi

I piatti che nel pranzo di Natale seguono i primi sono solitamente a base di carni varie arrostite o lesse. Innanzitutto vengono serviti il cappone arrosto o la gallina lessa precedentemente utilizzata per fare il brodo.

cappone-arrosto

Nel pesarese si fa seguire la pasticciata, un arrosto di carne di manzo che viene steccato, lardellato e profumato con varie spezie. A fine cottura si ottiene una sorta di brasato dal momento che la carne viene fatta rosolare nei grassi e nel vino rosso.

pasticciata-arrosto-marche

Nel piceno molto diffuso è il cosiddetto fritto all’ascolana, un misto di costine di agnello, olive farcite, cremini e verdure fritte. Per un Natale super gustoso!

fritto-misto-allascolana-marche

3. I dolci

Per concludere il pranzo passiamo ai dolci. Ogni città ha la sua specialità dolciaria, accompagnata dai tipici vini bianchi e rossi, dal Verdicchio al Rosso Piceno, per citarne solo alcuni. “Lu serpe” è una dolce tipicità natalizia marchigiana che continua ad essere presente sulle nostre tavole come ai tempi dei nostri nonni. Si tratta di una frolla ripiena di un impasto di mandorle e cioccolato fondente, aromatizzato con rum e arancia, ritagliata a forma di serpente, cotta e glassata. Ecco la ricetta dal blog “Le padelle fan fracasso”.

serpe-di-natale-marche

Dal nord al sud delle Marche è molto diffuso il frustingo ascolano che diventa bostrengo nel pesarese. Si tratta di un dolce natalizio a base di fichi secchi e anice. “Un nome ruvido, che sa di antico. Ha l’odore di casa, il gusto dell’adolescenza, la sensazione di una carezza sulla guancia.” Così ce lo racconta il blog La Tarte Maison. Scopriamolo con lei!

Frustingo-marchigiano

Passiamo ai buonissimi cavallucci con la sapa: dolci squisiti tipici della zona di Cingoli e Apiro ma diffusi anche in altre zone delle Marche con molteplici varianti di gusto. Il loro ripieno è costituito da un preparato a base di noci e mandorle tritate, uva passa e sapa. Scopriamo la ricetta dal blog “La creatività e i suoi colori”.

cavallucci-marchigiani

Altro dolce che affonda le sue origini nella tradizione, da sempre presente sulle tavole durante le festività è la Pizza di Natale, una pasta di pane con noci, uvetta, fichi secchi, zucchero, cacao, scorza grattugiata di limoni e arance. Ecco la ricetta dal blog I love Marche.

pizza di natale

4. Caffè/ammazzacaffè

E per concludere in bellezza? Manca solo un ottimo digestivo. Eccoci a Fano, in provincia di Pesaro Urbino, con la moretta fanese, dolce e forte, non è un semplice cocktail e nemmeno un caffè corretto, ma un sapiente mix a base di anice, rum e brandy. La sua origine è antica: i marinai e pescatori del porto di Fano la usavano per scaldarsi e rinvigorirsi prima di “andare in mare”. Scopriamo la sua storia in questo post.

moretta-fanese

Arriviamo ad Ascoli Piceno con un buon bicchiere di Anisetta, specialità dello storico caffè Meletti nella splendida città delle 100 torri. Un liquore che sa di antico, distillato di anice verde miscelato sulla base di una tradizione ascolana, terra in cui l’anice cresce più saporita che in ogni altro luogo e da tempi remoti i contadini se la distillano in proprio.

 

Che ne dite di questo menù? Vi abbiamo fatto venire l’acquolina in bocca? #destinazionemarche vi aspetta per Natale!

Info utili

Ti potrebbe interessare anche...

4 thoughts on “Le ricette di Natale nelle Marche

  1. cperomplimenti per l’articolo . per noi marchigiani lontano da casa e’ un tuffo al cuore.buon natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.