I dolci di Natale nelle Marche

È tornato il periodo più magico dell’anno e abbiamo tante buone ragioni per amarlo, ad esempio le passeggiate per le vie illuminate, i mercatini dell’artigianato, i presepi artistici e quelli viventi, i piatti tradizionali. Oggi vi parliamo dei dolci di Natale nelle Marche: abbiamo selezionato alcune delle ricette che, siamo sicuri, continuano ad essere scritte in molti quaderni con le mani sporche di farina, e la voglia di gustare poi questi dolci con la famiglia e gli amici.

• I cavallucci

Il primo dolce tipico del periodo natalizio che vi presentiamo sono i cavallucci. Originari di Apiro, in provincia di Macerata, e dei paesi vicini, sono piccoli dolci piuttosto sostanziosi perché al loro interno ci sono la frutta secca, ovvero noci, nocciole e mandorle, il cioccolato, i canditi, i fichi secchi, l’uvetta e la sapa. Sapete cos’è la sapa? È il mosto cotto e concentrato per ebollizione.

Tra gli ingredienti dei cavallucci troviamo anche il caffè e liquori come il marsala o il mistrà, che è a base di anice verde ed è un prodotto caratteristico della nostra regione. Dopo aver fatto riposare il ripieno, si farciscono dei pezzetti di sfoglia a cui si dà la forma di ferro di cavallo e che, dopo la cottura in forno, vengono spesso colorati con l’alchèrmes.

Come ogni preparazione tipica che si rispetti, anche quella dei cavallucci può avere delle piccole varianti perché è strettamente legata alla tradizione di ogni famiglia. Oggi vi indichiamo la ricetta del blog “La creatività e i suoi colori”.

I dolci di Natale nelle Marche: i cavallucci

I cavallucci – Foto di @viaromacafe su Instagram

• Il frustingo

“Frustingo” ad Ascoli Piceno, “fristingo” o “lu ficusu” a Fermo, “frostengo” o “pistingo” a Macerata, “brostengo” a Pesaro: tanti sono i nomi con cui è chiamato questo dolce di Natale nelle Marche, quanto è antica la sua storia. Si dice infatti che inizi circa duemila anni fa! La preparazione del frustingo si è naturalmente evoluta con il passare del tempo e ci piace pensare che nel corso degli anni sia stata annotata in molti ricettari, passati poi di generazione in generazione.

Genuino come ogni dolce della tradizione, il frustingo continua ad essere preparato in parecchie zone del nostro territorio. Si presenta basso e compatto ed è arricchito con fichi secchi, uva passa, canditi, mandorle e noci. Per scoprire le dosi di tutti gli ingredienti e imparare il procedimento, vi consigliamo di seguire la ricetta passo passo di Sonia Darini nel nostro post dedicato a questo dolce natalizio!

I dolci di Natale nelle Marche: il frustingo

Il frustingo – Foto di @marcheland_ su Instagram

• La pizza di Natale

Avete mai assaggiato una pizza dolce? Al contrario di quanto sembrerebbe dal suo nome, la pizza di Natale è infatti il terzo dolce che vi proponiamo, tra quelli particolarmente diffusi nella nostra regione durante questo periodo di festa. È una preparazione semplice e di origine contadina, ma ricca di ingredienti che caratterizzano molti dolci natalizi nelle Marche, ovvero la frutta secca come noci, nocciole e mandorle, l’uvetta, i fichi secchi. Amalgamateli alla pasta del pane insieme alla scorza grattugiata di limone e di arancia, allo zucchero, e a un po’ di cacao e di olio d’oliva. Otterrete una “pizza de Natà” (potreste sentirla chiamare anche così) profumata, dal sapore inconfondibilmente invernale e che sa di tradizione.

I dolci di Natale nelle Marche: la pizza di Natale

La pizza di Natale – Foto di @alittleplace su Instagram

• Il torrone biondo di Camerino

Conoscete il biondo di Camerino? Stiamo parlando del torrone che è nato alla fine dell’Ottocento dalla famiglia di pasticceri camerinesi Francucci. Fin dall’inizio il torrone di Camerino si è fatto conoscere per la sua qualità, tanto da arrivare anche sulla tavola della Real Casa Savoia.

La sua storia continua grazie a Paolo Attili quando, trentacinque anni fa, prende in mano la pasticceria insieme alla ricetta del torrone. Oggi potete provarne ben diciotto varianti, dalle più particolari a quella storica del “biondo”, che è molto friabile ed è fatto con il miele, le mandorle, lo zucchero. Come per tutti i prodotti artigianali marchigiani, c’è bisogno di ottime materie prime e di tempo: ci vogliono, infatti, almeno cinque ore di cottura lenta nell’apposita caldaia.

Quale evento migliore della Festa del Torrone a Camerino per mangiarlo? Domenica 6 gennaio 2019, il giorno dell’Epifania, ci sarà la diciassettesima edizione. In questa occasione viene preparato il torrone più lungo del mondo: pensate che due anni fa un chilometro di questo dolce attraversava le vie del paese!

I dolci di Natale nelle Marche: il torrone di Camerino

Il torrone di Camerino – Foto di @amatiecobottega su Instagram

• “Lu serpe”

L’ultimo dolce del Natale marchigiano che vi suggeriamo ha un nome curioso che ne ricorda la forma: “lu serpe”. È tipico in particolare di Falerone, in quanto si dice che la sua ricetta sia stata inventata nel monastero di questo piccolo paese nel fermano. Le monache clarisse hanno tramandato, infatti, la tradizione di sfornare “lu serpe” a partire dall’otto dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, fino al periodo delle feste natalizie. Mangiare questo serpente di pasta frolla diventa quasi un rito, perché sembra rappresentare la fine del peccato originale, cancellato dalla nascita di Gesù.

Con un ripieno di mandorle e amaretti aromatizzato alla cannella, questo dolce viene poi glassato e decorato per farlo assomigliare a “lu serpe”. Che ne dite di prepararlo questo Natale per stupire parenti e amici? Ecco la ricetta del blog “Con in faccia un po’ di sole”!

I dolci di Natale nelle Marche: "lu serpe"

“Lu serpe” – Foto di Simona Pezzotta del blog www.coninfacciaunpodisole.it

Siamo curiosi di sapere quali sono i dolci di Natale che non possono mancare a casa vostra, scrivetelo nei commenti o condividete le vostre foto sui social usando l’hashtag #destinazionemarche

Info utili

Foto nell’immagine in evidenza di (da sinistra):
@viaromacafe; @marcheland_; @alittleplace; @amatiecobottega; www.coninfacciaunpodisole.it

Ti potrebbe interessare anche...

One thought on “I dolci di Natale nelle Marche

  1. I cavallucci! A casa mia non possono mancare, a Natale, i cavallucci che prepariamo, in casa, insieme ai miei genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.