10 cose da fare e vedere ad Ancona in compagnia di Lord Byron

Oggi vi raccontiamo una storia che pochi conoscono ed ha come protagonista Lord George Byron, poeta romantico inglese, che nell’Ottocento si imbarcò dal porto di Ancona per raggiungere l’isola Corfù.

Lo si può facilmente immaginare con indosso il mantello e i capelli scompigliati dal vento mentre incede lungo la strada del porto rivolgendo il suo sguardo al mare da dove (unica città al mondo!) è possibile vedere il sole sorgere e tramontare.

Ma se tornasse oggi nella città capoluogo delle Marche, definita la “Porta d’Oriente” , quali luoghi ispirerebbero il suo animo amante della bellezza e delle arti?

1. Il Teatro delle Muse

Sicuramente, poco distante dal porto, Lord Byron si fermerebbe ad ammirare il più grande teatro delle Marche: il Teatro delle Muse, risalente al XIX sec., che presenta sulla facciata uno splendido bassorilievo neoclassico  raffigurante le Nove Muse, il Dio delle arti Apollo e il Dio dei porti Palemone.

Il Teatro, parzialmente distrutto in seguito ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, è stato riaperto al pubblico ed inaugurato nel 2002 dal celebre  tenore anconitano Franco Corelli con un concerto del maestro Riccardo Muti.
Ogni anno il Teatro delle Muse presenta un prestigioso cartellone di spettacoli: opere liriche, performance teatrali, musical, balletti, rassegne di musica classica e jazz!

Il Teatro delle Muse, Ancona

Il Teatro delle Muse, Ancona

2. Loggia dei Mercanti e Pinacoteca

Percorrendo via della Loggia, adiacente al  Teatro, Lord Byron, che visse a lungo a Venezia, rimarrebbe colpito dalla raffinata facciata gotica in stile veneziano che abbellisce la Loggia dei Mercanti, opera di Giorgio da Sebenico.

In Via Pizzecolli, (entrata da Vicolo Foschi) c’è invece la Pinacoteca di Ancona inaugurata lo scorso 9 giugno 2016.

Al suo interno, Lord Byron, avrebbe ritrovato echi della sua città d’adozione in alcune opere d’arte di provenienza e cultura veneta, rimanendo estasiato di fronte a capolavori quali: La Madonna col Bambino di Carlo Crivelli, la Sacra Conversazione di Lorenzo Lotto, La Circoncisione di Orazio Gentileschi, L’Immacolata Concezione e la Santa Palazia di Guercino, i Quattro Santi in estasi e Angeli musicanti di Andrea Lilli, la Pala Gozzi di Tiziano Vecellio raffigurante L’Apparizione della Vergine, senza dimenticare la sezione dedicata all’arte moderna con opere di Bartolini, Bucci, Campigli, Cassinari, Cucchi, Levi, Sassu, Tamburi, Trubbiani ed altri…

12435098064_9a1c89e332_o

La Loggia dei Mercanti, Ancona

3. Santa Maria della Piazza Lungo Via della Loggia, Byron si fermerebbe a visitare l’incantevole Chiesa di Santa Maria della Piazza, autentico gioiello dell’arte romanica edificata tra il XI e il XII secolo.

La suggestiva facciata scolpita dal celebre Maestro Filippo gli apparirebbe come risplendente di luce propria con la sua pietra bianca del Conero!
Il suo sguardo affascinato si soffermerebbe a lungo sulle decorazioni simboliche in stile romanico: foglie di vite, mostri, arcieri, figure zoomorfe e antropomorfe, guerrieri a cavallo, sirene con al centro l’immagine di Cristo…
E una volta apprezzata  la sobria maestosità delle tre navate al suo interno, non mancherebbe di visitare la cripta che conserva preziosi mosaici risalenti alle basiliche paleocristiane del IV secolo.

La chiesa di Santa Maria Piazza, Ancona

La Chiesa di Santa Maria Piazza, Ancona

4. Museo Archeologico

Un emozionante tuffo nel passato che il poeta romantico continuerebbe nel Museo Archeologico delle Marche, dopo aver risalito la strada a sinistra del Palazzo degli Anziani, oggi sede del Comune di Ancona.
Il Museo Archeologico, che ha sede a Palazzo Ferretti, è uno dei musei archeologici più importanti d’Italia e conserva una ricchissima documentazione delle civiltà succedutesi nell’intera regione marchigiana: dalla preistoria alla civiltà picena, gallica e romana.
Il “nostro” poeta rimarrebbe sicuramente affascinato dai tanti tesori in esposizione: vasi e scudi di bronzo, argenti e avori dell’Etruria, vasi attici figurati, preziosi monili d’oro sia ellenistici che celtici….Senza dimenticare la preziosa decorazione fittile del tempio di età ellenistica di Civitalba, di recente acquisizione del Museo, e la sezione ellenistico-romana, con i ricchi corredi funerari delle necropoli di Ancona.

Il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona

Il Museo Archeologico Nazionale delle Marche, Ancona

5. Duomo di San Ciriaco e Museo Diocesano

E come non immaginare un Lord Byron in versione turista avventurarsi alla scoperta il Duomo di Ancona situato sulla sommità del Colle Guasco?

Ispirato dalla visione del mare, raggiungerebbe la Cattedrale, simbolo della città, che si affaccia sul porto e sul centro storico. La magnifica Cattedrale dedicata al patrono di Ancona, San Ciriaco, lo colpirebbe innanzitutto per l’elegante maestosità della facciata.

Questa presenta un portale e cupola gotica, in pietra rosa del Conero riccamente lavorata, e due leoni stilofori del protiro, mentre al suo interno lo stile romanico si fonde alle decorazioni di influsso bizantino.

La Cattedrale conserva i resti del tempio sacro a Venere, protettrice dei naviganti,  la cripta con la salma di San Ciriaco e la venerata immagine della Vergine Regina di Tutti Santi.

Secondo la tradizione, durante il sofferto periodo dell’occupazione napoleonica gli occhi della Vergine si aprirono e chiusero alla presenza di numerosi testimoni…addirittura dello stesso Napoleone! Adiacente alla Cattedrale è collocato il  Museo Diocesano “Mons. Cesare Recanatini” che conserva oltre 460  opere di straordinario valore artistico e liturgico: tele dipinte, opere scultoree, pergamene, preziosi tessuti e arazzi…. A completamento del Museo vi è la Biblioteca specializzata in Arte, Arte Sacra e Storia locale.

Il Duomo di San Ciriaco, Ancona

Il Duomo di San Ciriaco, Ancona

6. Anfitetro romano e Parco del Cardeto

Fra il Colle Guasco e il Colle Cappuccini, Lord Byron scoprirebbe l’esistenza dell’anfiteatro romano risalente al I secolo A.C.

L’anfiteatro, che può accogliere fino a 10.000 spettatori, mette in scena varie rappresentazioni di teatro antico durante il periodo estivo. Un altro luogo che ispirerebbe molto Byron è il parco urbano più grande di tutta Ancona: Il Parco del Cardeto, che sorge sulla sommità dei colli Cappuccini e Cardeto.

Il poeta amerebbe molto lo strepitoso scenario del parco a picco sul mare e farebbe lunghe passeggiate per godere appieno della natura rigogliosa che, nei mesi primaverili, si riveste di uno meraviglioso manto fiorito!.

E per riposarsi dal lungo camminare, si siederebbe su una delle caratteristiche panchine, (soprannominate “pensatoi”) che si trovano lungo il parco…da lì godrebbe di una vista davvero memorabile!

Il pensatoio del Parco del Cardeto

Il pensatoio del Parco del Cardeto, Ancona

Il parco è da considerare inoltre come un “museo a cielo aperto” poiché ospita importanti luoghi della memoria, fra questi  il Campo degli Ebrei, uno dei più grandi e meglio conservati cimiteri ebrei d’Europa; il Campo degli Inglesi; il Bastione San Paolo, risalente al Cinquecento che cela una serie di cunicoli sotterranei  visitabili su prenotazione; ilvecchio Faro ottocentesco che domina tutta la città; la Polveriera Castelfidardo, recentemente restaurata e oggi location di eventi culturali; il Forte Cardeto e quello dei Cappuccini.

7. San Francesco alle Scale

Dopo questa passeggiata immersa in una natura fortemente evocativa, immaginiamo il “nostro” poeta giungere fino alla Chiesa di San Francesco alle Scale. (Ricordiamo che come Lord Byron, anche San Francesco transitò in Ancona, da dove, nel 1219, si imbarcò per raggiungere la Terra Santa.)

La chiesa e il convento annessi furono fondati dall’ordine francescano nel 1323 e dedicati a Santa Maria Maggiore, ma la scalinata da cui prende il nome risale al 1447.
Il magnifico portale gotico, opera di Giorgio Orsini da Sebenico, (che lavorò anche al Palazzo Ducale di Venezia) è impreziosito da motivi vegetali e dal  bassorilievo con San Francesco che riceve le stigmate.
L’interno della chiesa, a navata unica, richiama lo stile settecentesco e custodisce importanti opere d’arte come Il Battesimo di Cristo, di Pellegrino Tibaldi, la Gloria, di Gioacchino Varlè, gli Angeli che trasportano la Santa Casa di Loreto e la Pala dell’Assunta di Lorenzo Lotto.

La Chiesa di San Francesco alle Scale, Ancona

La Chiesa di San Francesco alle Scale, Ancona

8. Piazza del Plebiscito, Chiesa San Domenico, Museo della Città

La meravigliosa Chiesa di San Domenico domina la più antica piazza di Ancona: Piazza del Plebiscito, detta anche “Piazza del Papa”, perché ospita l’imponente statua di papa Clemente XII.

La Chiesa di San Domenico, risalente a 1763, conserva al suo interno splendidi capolavori come la Crocifissione di Tiziano, l’Annunciazione del Guercino e numerose statue di Gioacchino Varlè.

Per continuare questo viaggio nella storia e nell’arte anconitana sicuramente Lord Byron non mancherebbe di visitare il Museo della Città, la cui entrata si affaccia proprio sulla celebre Piazza.

Il Museo rievoca i momenti più significativi della storia di Ancona attraverso l’esposizione di  reperti archeologici, riproduzioni grafiche e fotografiche di edifici, luoghi e personaggi, stampe originali, dipinti e plastici, organizzati per sezioni cronologiche.

Piazza del Plebiscito, Ancona

Piazza del Plebiscito, Ancona

 

9. Porto Antico, Mole Vanvitelliana, Museo Omero

E per ripercorrere la millenaria storia di Ancona non può mancare una passeggiata nel porto antico di origine romana, oggi primo porto adriatico per numero di imbarchi e uno dei primi per il traffico delle merci e per la pesca.

Qui, con lo sfondo del mare ad entrambi i lati, si ergono il maestoso Arco di Traiano risalente al 115 d.c. e il settecentesco Arco Clementino che, da lontano, incorniciano Il Colle Guasco e il Duomo.

Il porto stupirebbe il “nostro” poeta per i suoi monumenti storici esaltati da un incantevole scenario, oltre che per il vivace intreccio di culture da cui viene animato ogni giorno!
E come non potrebbe affascinare Byron la splendida Mole Vanvitelliana (ex Lazzaretto), costruzione settecentesca a pianta pentagonale, la quale riemerge da un’isoletta artificiale sulle acque del porto, a pochi metri dalla grandiosa Porta Pia?

Qui si dice abbia sostato anche Giacomo Casanova, un personaggio che ricorda molto Byron per la sua fama di seduttore veneziano!

La Mole, opera dell’architetto Luigi Vanvitelli, è stata restaurata di recente ed è oggi la superba location di numerosi eventi espositivi e culturali. Al suo interno è inoltre ospitato il Museo Tattile Statale Omero, uno dei pochi musei tattili al mondo che permette la totale accessibilità a visitatori non vedenti e ipovedenti.

mole-antonelliana

10. Enogastronomia locale

Dopo questa lunga passeggiata fra arte, natura e storia, il “nostro” poeta (che dicono fosse molto attento alla dieta, malgrado offrisse ai suoi invitati banchetti da 18 portate!), si farebbe facilmente tentare dalla cucina anconetana dove il pesce la fa da padrone con eccellenti specialità marinare. Fra queste lo “storico”  stoccafisso all’anconetana, baccalà cucinato in umido con patate e pomodori; le crocette in porchetta, lumache di mare cucinate con odori e finocchio e…i tipici moscioli (cozze) alla marinara! Il tutto condito con il rinomato Verdicchio, il vino bianco principe delle Marche apprezzato in tutto il mondo!  Ovviamente, dato il gusto raffinato di Lord Byron, egli non mancherebbe di apprezzare anche gli ottimi vini rossi della Provincia di Ancona: il corposo Rosso Conero o il Lacrima di Morro d’Alba dall’inebriante gusto fruttato.

I Moscioli di Portonovo

I Moscioli di Portonovo

Altri luoghi da visitare vicino Ancona…per gli amanti del mare!

Un lauto pasto concluderebbe nel migliore dei modi  l’emozionante giro turistico di Lord Byron il quale, attirato dalla bellezza del posto, ne approfitterebbe per visitare altri luoghi nelle vicinanze di Ancona. Una delle sue più belle poesie, “Ondeggia, oceano”, è dedicata al mare, e altre poesie potrebbero ispirargli le rinomate località balneari di Numana e Sirolo, la spiaggia di velluto di Senigallia, resa celebre dalla Rotonda a Mare, i sassi  bianchi e l’acqua cristallina di Portonovo, dove sorge la stupenda Chiesetta di Santa Maria…tutte località di mare premiate con la prestigiosa “Bandiera Blu”, che affascinerebbero molto il poeta Byron, infondendogli il desiderio di scoprire un giorno anche le bellezze dell’entroterra marchigiano!

Info utili

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.