10 luoghi alla scoperta dei Piceni, gli antichi abitanti delle Marche

Secondo Plinio il Vecchio, scrittore e filosofo romano, e Strabone, geografo greco, i Piceni emigrarono dalla Sabina alle Marche seguendo il volo di un picchio che avrebbe mostrato loro la strada. Ed è proprio al picchio, picus in latino, animale sacro a Marte, che questo antico popolo deve il suo nome.

Siete pronti a partire per un viaggio nel tempo alla scoperta del popolo dei Piceni?

Per cominciare, un po’ di storia…

Quando si parla di “civiltà picena” si fa riferimento alla cultura sviluppatasi tra IX e III secolo a.C. sulla costa adriatica, in un territorio delimitato a nord dal fiume Esino, a sud dal fiume Pescara (oggi parte del territorio della Regione Abruzzo) e ad ovest dagli Appennini.

I reperti archeologici più significativi per conoscere questo antico popolo sono stati rinvenuti nelle necropoli, dal momento che i loro antichi centri abitati si sono trasformati nei secoli ad opera dei tanti popoli che hanno preso il loro posto.

Nell’economia picena, prevalentemente basata su agricoltura e allevamento, anche l’artigianato aveva un ruolo importante, visibile soprattutto nella metallurgia di bronzo e ferro, nella lavorazione di ceramica e ambra e nella produzione di tessuti.

Tra il VII e il VI secolo a.C. la civiltà picena conobbe il suo massimo splendore, ma nel IV secolo a.C. le cose cambiarono radicalmente: le popolazioni galliche conquistarono terreno a nord e i Siracusani, arrivati dal mare, conquistarono la città di Ancona rendendola una loro colonia.

Nel 295 a.C., a seguito della sanguinosa sconfitta del Sentino, e definitivamente nel 268 a.C., con il fallimento di alcuni moti di rivolta, i territori fino ad allora abitati dalla popolazione picena vennero assoggettati allo stato romano e l’Adriatico divenne a tutti gli effetti il limite orientale della potenza di Roma.

Mappa di alcuni dei più importanti musei e siti archeologici con reperti piceni, nelle Marche

Oltre ai reperti presenti nelle due aree archeologiche picene regionali, quella di Sirolo e quella di Novilara, quasi tutti i musei archeologici della regione conservano e offrono ai visitatori reperti a testimonianza di questo popolo.

Venite a scoprire i 10 luoghi da visitare nelle Marche per partire alla scoperta dei Piceni e proseguite poi il vostro viaggio alla volta dei tanti altri musei sparsi sul territorio che vantano nelle loro collezioni reperti piceni!

1. Museo archeologico statale di Ascoli Piceno

Il Museo di Ascoli Piceno, ospitato all’interno del cinquecentesco Palazzo Panichi, ospita la più ampia raccolta di testimonianze della popolazione che aveva fatto della città la sua capitale.

Museo Archeologico di Ascoli Piceno

I reperti esposti, provenienti da numerosi scavi effettuati negli anni nelle vallate del Tronto, del Tesino e in territori attualmente parte della Regione Abruzzo, vanno dall’età del bronzo al IV secolo a.C. È possibile ammirare oggetti provenienti dagli abitati della zona, dalle tombe fedelmente ricostruite e dai corredi di cui queste erano dotate, oltre alla stipe votiva rinvenuta nella vicina Cupra Marittima. Il museo, inoltre, vanta nella sua collezione il famoso Cippo di Castignano, rarissima testimonianza della scrittura picena.

Continua la scoperta della città di Ascoli Piceno –> Cosa fare, vedere, assaggiare nella città di travertino

2. Museo civico archeologico “Guglielmo Allevi” di Offida

La città di Offida e il suo Museo archeologico offrono ai visitatori due intere sale dedicate alla civiltà picena, la prima ospita bronzi, armi e oggetti ornamentali, la seconda vasellame ceramico e bronzeo. Di particolare interesse anche una tomba perfettamente conservata ed esposta con l’intero corredo rinvenuto durante la campagna di scavo.

Scopri la città di Offida –> 10 cose da fare e vedere a Offida, la città del merletto a tombolo

3. Museo archeologico del territorio di Cupra Marittima

Palazzo Cipolletti, antico edificio nel borgo fortificato di Marano, fulcro medievale della città di Cupra Marittima, ospita il “Museo archeologico del territorio”.

La ricca collezione mette in luce l’importanza della citta per la popolazione picena, rendendo fruibili reperti che documentano rituali funerari e produzioni artigianali locali nel periodo che va dal VII al V secolo a.C.

I piceni dell’antica Cupra dovevano essere particolarmente ricchi, come testimoniano gli splendidi corredi funerari, maschili e femminili, e i numerosi anelloni in bronzo a quattro o sei nodi, oggetti tipici e misteriosi della civiltà picena.

4. Il territorio fermano: Fermo e Belmonte Piceno

Il territorio fermano è ricco di testimonianze relative all’epoca Picena. I Musei Civici di Fermo, allestiti all’interno di Palazzo dei Priori, ospitano reperti per lo più provenienti dalle necropoli villanoviane e picene; in particolare sono esposte alcune urne biconiche, con i relativi corredi, che documentano la facies villanoviana fermana, contesto unico all’interno della regione Marche, testimonianza della presenza di popolazioni provenienti dall’Etruria.

Sono esposti, inoltre, alcuni corredi relativi a sepolture a inumazione, databili tra VI e IV sec. a.C. Un’intera sala è dedicata agli usi e costumi piceni, con reperti che comprendono armi, gioielli e oggetti di vita quotidiana classificati per tipologia. Di particolare interesse il vasellame in terracotta, con numerose forme che hanno resistito integralmente al passare dei secoli.

Nel piccolo borgo di Belmonte Piceno, nel museo comunale inaugurato nel 2015, è possibile ammirare alcuni dei reperti rinvenuti negli scavi iniziati in quel territorio all’inizio del ‘900. Si possono ammirare fotografie storiche e oggetti quali elmi, ruote, fibule con inserti in ambra e altre testimonianze.

Museo Archeologico di Belmonte Piceno

5. Museo archeologico di Torre di Palme

Il museo archeologico di Torre di Palme, inaugurato nell’aprile del 2019 all’interno di un palazzo signorile, offre ai visitatori la ricostruzione di alcune tombe e dei rispettivi corredi funerari rinvenuti nelle tombe scoperte nei pressi del piccolo gioiello affacciato sul mare

Di particolare rilevanza i reperti in ambra rinvenuti nelle tombe femminili e infantili.

6. Museo archeologico “Giuseppe Moretti” di San Severino Marche

Il museo, intitolato al celebre archeologo sanseverinese, ospita numerosissimi reperti in particolare provenienti dall’abitato che si ritiene fosse situato sul colle Pitino e dalle necropoli picene di Monte Penna, Frustellano e Ponte di Pitino. 

I numerosi e ricchi corredi esposti sono testimonianza della notevole ricchezza ottenuta e dell’organizzazione della società strutturata intorno alla figura dei principi-guerrieri.

7. Museo archeologico statale di Arcevia

All’interno del museo archeologico di Arcevia non sono visibili reperti che documentano le fasi iniziali e centrali della civiltà picena, tuttavia sono conservate moltissime testimonianze provenienti dall’importantissima necropoli gallica di Montefortino, composta da una cinquantina di tombe ad inumazione. 

L’elmo di Montefortino conservato al museo Archeologico di Arcevia

Le tombe erano, nella maggior parte dei casi, dotate di ricchissimo corredo; tra i tanti reperti, si ricordano le tre corone auree rinvenute nella necropoli e ora esposte al Museo archeologico di Ancona, che rappresentano un’inestimabile testimonianza della civiltà picena.

Continua la scoperta di Arcevia con l’itinerario dei suoi 9 castelli

8. Antiquarium statale di Numana

All’interno dell’Antiquarium comunale di Numana, grande rilevanza è attribuita all’età picena, della quale sono esposti reperti provenienti dagli scavi di Numana e Sirolo, che comprendono soprattutto corredi funerari.

Il Guerriero di Numana

 Al primo piano del palazzo, è esposto ai visitatori lo sfarzoso corredo della “Tomba della Regina”, che vanta crateri attici, fibule in bronzo, pettorali con perle in pasta vitrea e ambra, sandali e due carri. 

9. Museo archeologico nazionale delle Marche

Il Museo archeologico nazionale delle Marche, fondato nel 1863 e attualmente gestito dal MIBACT-Polo Museale delle Marche, nella sezione Protostorica permette ai visitatori di ammirare le testimonianze degli abitati piceni della Regione. 

Sono raccolti al Museo i reperti delle necropoli presenti nella Regione, con una selezione dei più suggestivi e preziosi corredi funerari della popolazione picena.

10. Le aree archeologiche picene: Sirolo e Novilara di Pesaro

L’area archeologica “I Pini” a Sirolo offre al pubblico la possibilità di visitare una parte della necropoli picena con tombe monumentali e inumazione in fosse. È in questa area archeologica della costa che fu rinvenuta la famosissima “Tomba della Regina”, datata fine del VI secolo a.C., ad oggi una delle più ricche tombe dell’intero bacino del Mediterraneo.

Area archeologica I Pini di Sirolo http://www.turismosirolo.it/sirolo/sirolo-monumenti

Nella Necropoli di Novilara, testimonianza importantissima della presenza picena a nord della città di Ancona, dalla fine dell’Ottocento si sono avviate numerose campagne di scavo che hanno dato luogo ad importanti pubblicazioni. La necropoli vanta ricchi corredi funerari e diverse steli scritte e con figure incise.

Al Centro di Documentazione di Novilara sono esposti i calchi delle stele e alcuni reperti rinvenuti nelle tombe; il resto dei reperti è ospitato nei Musei Oliveriani di Pesaro, dove un’intera sala è loro dedicata e permette ai visitatori di ammirare gli antichi corredi e la famosissima stele della naumachia.

Info utili

One thought on “10 luoghi alla scoperta dei Piceni, gli antichi abitanti delle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.