Categorie: Made in Marche

I cacioni: ricetta della Pasqua marchigiana

La Pasqua è alle porte e un delizioso profumo si diffonde per le strade e i borghi piceni: è l’odore del formaggio, ingrediente principe di una ricetta tradizionale, unica e squisita, quella dei cacioni, riservata per questo giorno di festa speciale.

È un piatto semplice e prelibato che può essere mangiato da solo o accompagnato da salumi. Lo volete assaggiare? Le Marche vi aspettano per le festività pasquali con un concentrato di bellezza, tradizioni, natura, cultura e gastronomia. 

La ricetta dei cacioni

Nelle Marche sono conosciuti con svariate denominazioni: calcioni, caciuni, cacioni, piconi, caciù e il loro nome deriva dalla gustosa caratteristica di essere ripieni di “cacio”.

Sono infatti dei ravioloni salati di pasta fresca farciti di formaggio pecorino e uova, ingredienti preziosi in una realtà contadina.
Un tempo le famiglie andavano incontro ai pastori che con i loro greggi attraversavano zone rurali e villaggi, barattando galline, uova, carne, frumento, vino o vino cotto per ricevere latte, formaggio o agnelli.

Il formaggio locale per eccellenza era il pecorino e un tempo veniva usato solo quello per realizzare questa succulenta ricetta. In seguito sono stati introdotti il parmigiano e da alcune famiglie anche la ricotta.

A seconda delle varianti, il loro sapore è sempre fragrante e intenso. Oggi vi presentiamo la ricetta proposta dalla nostra affezionata cuoca di Offida, Sonia Darini.

Ingredienti per il ripieno

  • 600 grammi di formaggio (150 grammi di pecorino secco, 150 grammi di pecorino fresco e 300 grammi di parmigiano)
  • 5 uova

Ingredienti per la pasta

  • 6 uova
  • 600 grammi di farina 00
  • 1 goccio d’olio extra vergine

Preparazione

  • Prepariamo la pasta versando la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungiamo le uova e un goccio d’olio. Impastiamo e lasciamo riposare per circa 2 ore in frigo.

  • Prepariamo nel frattempo il ripieno impastando i formaggi con le uova e lasciamo riposare anche questo per un’oretta in frigo.

  • Riprendiamo la pasta, la stendiamo abbastanza sottile e formiamo delle striscioline.

  • Versiamo delle piccole quantità del composto al formaggio e richiudiamo. Tagliamo con una rotellina formando un raviolo abbastanza grande, sigilliamo i bordi.

  • Spennelliamo con un tuorlo d’uovo e facciamo un piccolo taglietto con le forbici che permetterà al ripieno di fuoriuscire durante la cottura.
  • Cuocere in forno già caldo a 200° per circa 25 minuti.

Abbiamo stuzzicato il vostro appetito? Se passate per Ascoli Piceno nel periodo Pasquale potreste innamorarvi anche voi di un prodotto davvero particolare, unico e squisito!

Info utili

Tutte le foto contenute in questo articolo sono di proprietà di Sonia Darini che gentilmente ringraziamo per la disponibilità e la passione che mette in tutto ciò che fa.

 

Ti potrebbe interessare anche...

Giorgia Barchi

Giorgia Barchi è social media specialist. Sempre connessa, per lei i social network non hanno segreti. Adora la tecnologia, ama scrivere e fotografare, catturare la vita e condividerne i suoi piccoli dettagli. È l’anima social del blog.

Condividi
Pubblicato da:
Giorgia Barchi

Post recenti

Il meteo del 2021 secondo il barometro delle cipolle di Urbania

Come ogni anno, le cipolle di Urbania ci svelano le previsioni meteo per il 2021 attraverso un’antichissima tradizione…

13 minuti ago

5 ciaspolate semplici nelle Marche

Alzi la mano chi non ama la neve! Rende tutto così meravigliosamente candido e perfetto……

6 giorni ago

La Rossini – storia della pizza pesarese

Gioachino Rossini, è noto, è il nome di uno dei più grandi compositori italiani, ricordato…

1 settimana ago

La storia straordinaria di Padre Matteo Ricci da Macerata

Padre Matteo Ricci, Li Madou, il “Maestro del Grande Occidente”, sono tanti i nomi con…

2 settimane ago

Urbania, capitale d’Italia della Befana

O cara Befana, prendi un treninoche fermi a casa d’ogni bambino,che fermi alle case dei…

3 settimane ago

Torta alla mela rosa dei Monti Sibillini

Mordere una mela rosa è un tuffo nei sapori del passato. Questo frutto antichissimo, autoctono…

4 settimane ago