Pedalando nelle Marche con la Tirreno-Adriatico

Scopri le Marche grazie al percorso della corsa ciclistica Tirreno-Adriatico che attraverserà la nostra regione il 12, 13 e 14 marzo da Ascoli Piceno a San Benedetto del Tronto, passando per Fermo, Recanati, Civitanova Marche e Loreto. La Tirreno Adriatico, che inizia l’8 marzo, è un strada disegnata dalla natura e dalla storia, una strada che unisce i due mari, che sa inclinarsi e arrampicarsi, offrendo scenari e città uniche nel suo genere. Per gli appassionati di ciclismo agonistico, inoltre, rappresenta il primo banco di prova stagionale. “Per portare a casa la maglia azzurra serve tenacia, forza, tecnica, determinazione”, si legge sul sito della corsa.

grafica-evento

La Tirreno-Adriatico, giunta alla 52° edizione, avrà un’eccezionale copertura mediatica, con 170 televisioni collegate che mostreranno le tante bellezze della regione Marche.

1. A Fermo, passando per Ascoli – 12 marzo

La carovana ciclistica entra nelle Marche dalla via Salaria, passando tra le località colpite dal terremoto perché, come spiegano gli organizzatori, “anche se con una corsa ciclistica, è la dimostrazione che il ciclismo non lascia soli”. Si attraverserà Ascoli Piceno, città costruita quasi interamente in travertino, tra le più ammirate della regione e del centro Italia, in virtù della sua ricchezza artistica e architettonica. Ha come fulcro la rinascimentale Piazza del Popolo, dove si trova lo storico Caffè Meletti (scopri il nostro approfondimento su Cosa vedere, scoprire, fare e assaggiare). I piatti che maggiormente rappresentano la cucina e la gastronomia locale sono le olive all’ascolana ed il fritto all’ascolana, disponibili tutto l’anno ma che si possono degustare in particolar modo nel periodo 22 aprile-1 maggio, quando si svolge la manifestazione “Fritto Misto”, dedicato quest’anno a “Il Fritto è uguale per tutti!”.

Piazza del Popolo, alcune immagini tratte dal sito "Fritto Misto" ©, una veduta di Ascoli Piceno (Foto © Spot) e il percorso della tappa del 12 marzo

Piazza del Popolo, alcune immagini tratte dal sito “Fritto Misto” ©, una veduta di Ascoli Piceno (Foto © Spot) e il percorso della tappa del 12 marzo

Ma quando si dice Ascoli si dice anche Quintana, 8 luglio e 6 agosto 2017. Dal 1955 la rievocazione storica ascolana è tra le più antiche e sentite del centro Italia, grazie al fascino del Corteo Storico e all’avvincente Giostra cavalleresca.

Il Corteo Storico della Quintana (a destra @fotoreporte34 da Instagram)

Il Corteo Storico della Quintana (a destra @fotoreporte34 da Instagram)

Da Ascoli la tappa continua verso Venarotta, poi Force, Montelparo, Grottazzolina, Capodarco e l’arrivo nel centro storico di Fermo, una città che custodisce nel sottosuolo un complesso impianto idrico di cui fanno parte le Cisterne Romane, le più grandi per estensione in metri quadri. Tra le altre attrazioni la Pinacoteca e l’annessa Biblioteca, con la seicentesca Sala del Mappamondo, oltre alla Cavalcata dell’Assunta, che si tiene nel periodo di Ferragosto.

Piazza del Popolo, a Fermo (foto © Maurizio Paradisi)

Piazza del Popolo, a Fermo (foto © Maurizio Paradisi)

La Tirreno-Adriatico sarà preceduta da iniziative collaterali, in collaborazione con Fermo Bike e Giemme Sport: il pomeriggio dell’11 marzo una gara per elite e under 23 a Molini e la cicloturistica in mountain bike; la mattina del 12 una cicloturistica e una gimkana con baby ciclisti.

2. Da Ascoli a Civitanova, passando per Recanati – 13 marzo

La tappa del 13 marzo comincia da Ascoli Piceno per poi incamminarsi nell’entroterra, attraverso Comunanza, Amandola e Sarnano. Da qui l’abbazia Santa Maria di Chiaravalle di Fiastra, del 1142, inclusa nella Riserva naturale omonima che abbraccia un territorio ricco di campi coltivati, vegetazione e fauna protetta, ideale per trascorrere tranquille giornate a contatto con la natura.

Il giro prosegue per Sforzacosta, Macerata, Villa Potenza e uno dei Borghi più Belli d’Italia, Bandiera Arancione: Montecassiano. Il tragitto prevede poi Montefano e la terra del Giovane Favoloso: Recanati! Città natale di Giacomo Leopardi, uno dei più grandi poeti italiani della letteratura italiana, e di Beniamino Gigli, noto cantante lirico. Tra i principali siti di interesse turistico spiccano i luoghi leopardiani: la piazzetta “Sabato del villaggio”, il settecentesco Palazzo Leopardi, casa natale del poeta, che custodisce la Biblioteca con oltre 20.000 volumi e la “Casa di Silvia” e il “Colle dell’Infinito”. Nel 2014 il film “Il Giovane Favoloso”, incentrato sulla vita del poeta, è stato girato per gran parte a Recanati.

Piazza

Piazza Leopardi, a Recanati

Da Recanati il tour arriva in una manciata di minuti a Loreto, famosa in tutto il mondo per il Santuario che è stato per secoli ed è ancora oggi uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i più importanti del mondo cattolico. La Basilica ospita la celebre reliquia della Santa Casa di Nazaret dove, secondo la tradizione, la Vergine Maria nacque e visse e dove ricevette l’annuncio della nascita miracolosa di Gesù. Si scende poi a Porto Recanati, da cui si attraversa Porto Potenza Picena e si “sbarca” a Civitanova Marche. Frequentata località balneare della costa adriatica, Bandiera Blu, è dotata di due centri: la Città Alta e l’abitato costiero. Qui troviamo il Teatro storico Annibal Caro, edificato nel 1872, la Stazione del Tram (1900) in stile liberty e il Museo Storico del Trotto, unico nel suo genere.

La spiaggia di Civitanova Marche e il percorso della

La spiaggia di Civitanova Marche e il percorso della tappa del 13 marzo

A luglio si tiene il Futura Festival, una manifestazione che riunisce più di 100 ospiti chiamati a intervenire sui temi che riguardano il futuro e il cambiamento.

Nei dintorni di Civitanova troviamo anche numerosi outlet di prestigiose firme del made in Italy, soprattutto nel settore calzaturiero, che offrono opportunità di buoni affari.

3. A San Benedetto per il cronometro – 14 marzo

La conclusione della Tirreno-Adriatico è a San Benedetto del Tronto, cronometro alla mano, per la “volata” finale. Si tratta di una Cronometro individuale di 10 mila metri, che attraversa Porto d’Ascoli e San Benedetto del Tronto, la Riviera delle Palme. Bandiera Blu, grazie alle ampie spiagge sabbiose incorniciate nell’affascinante sfondo delle palme e degli oleandri, San Benedetto del Tronto vanta un’ampia pista ciclabile che costeggia ininterrottamente la spiaggia e prosegue senza interruzioni per oltre 15 km, fino a Cupra Marittima. La cittadina è dotata di un porto turistico, un porto peschereccio e un mercato del pesce all’ingrosso, tra i più importanti d’Italia. Attrazioni da non perdere sono il Polo Museale del Mare, il Museo Ittico e il Museo d’Arte sul Mare, un museo permanente all’aperto, che si sviluppa lungo tutto il molo ed ospita ben 145 opere d’arte. La città presenta un nucleo antico (il “paese alto”), caratterizzato dalla trecentesca esagonale Torre dei Gualtieri. Il “torrione”, che attraverso il suo orologio scandisce le ore della giornata, è il simbolo della città.  Scopri di più qui.

San Benedetto del Tronto

San Benedetto del Tronto

Il cicloturismo, eccellenza delle Marche

Le Marche sono in assoluto una delle regioni più amate e ricercate dagli appassionati del bike, grazie alla particolare conformazione balneare, collinare e montana a pochissima distanza, dotata di strutture piste e pacchetti turistici ad hoc. L’offerta è davvero molto articolata e specifica: si va dalle piste ciclabili di Civitanova Marche e Senigallia alla Bicipolitana di Pesaro, fino ad arrivare all’Ascoli Natural Bike Park e alla ricca offerta di percorsi adatti agli appassionati di Mountain Bike, passando per i tantissimi itinerari cicloturistici. E’ disponibile anche un elenco delle strutture bike-friendly (identificate dall’apposito “bollino” Marche by Bike) ed un altro degli operatori incoming specializzati; è possibile scoprire dove alloggiare secondo le proprie preferenze, da alberghi a bed & breakfast, campeggi, country house, agriturismi etc… Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti, basta solo avere voglia di scoprire e un po’ di fiato per pedalare nella natura a dimensione delle due ruote. Scarica qui la Guida ai Percorsi Cicloturistici delle Marche.

Ricordiamo anche l’impresa, unica nel suo genere, partita lo scorso anno dalle Marche, ovvero raggiungere Londra in biciletta, attraversando l’Europa in una Long Ride di 2.100 km, organizzata dal tour operator Marche Bike Life.

Il logo del disicplinare Marche by Bike

Il logo del disicplinare Marche by Bike

I campioni amano la nostra terra

In tanti hanno scelto le Marche come terra in cui vivere o semplicemente allenarsi. Il primo tra tutti è stato il Pirata, Marco Pantani, che sceglieva le alture, ripide e spietate, della parte nord delle Marche, e in particolare il Monte Carpegna, con le sue affilate formazioni rocciose, brutali quanto ossessivamente belle e ricercate. C’è poi il filottranese Michele Scarponi, ciclista di professione da oltre vent’anni e vincitore di due tappe del Giro d’Italia e, nel 2011, del Giro d’Italia: Scarponi è stato anche, nel 2009, vincitore proprio della Tirreno-Adriatico.

Da sinistra: Michele Scarponi, Marco Pantani, Yuri Chechi e Valentino Rossi

Da sinistra: Michele Scarponi, Marco Pantani, Yuri Chechi e Valentino Rossi

Non tutti sanno, inoltre, che Yuri Chechi, toscano di nascita, da giovane si allenava a Fermo: ora ha scelto di vivere nelle Marche, Ripatransone in particolare, innamorato della qualità di vita. Il campione olimpico, medaglia d’oro ad Atlanta 1996, ha aperto un agriturismo realizzato con la bioarchitettura, durante il quale accompagna i suoi ospiti in bici alla scoperta del territorio, insieme a Andrea Tonti e il tour operator Bike Division (scoprire il Marche Eco Cycling Tour). Come non citare, tra gli sportivi marchigiani over the top, il campione per eccellenza delle due ruote, questa volta a motore, Valentino Rossi, pluricampione mondiale Moto Gp di Tavullia, Pesaro.

Altri eventi sportivi delle Marche nel 2017

Tre gli appuntamenti sportivi di rilievo mondiali che si terranno nel 2017 nelle Marche, a Pesaro per la precisione. Per il nono anno consecutivo l’Adriatic Arena ospiterà la rinomata Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica, dal 7 al 9 aprile. Sulle pedane della città di Rossini andranno in scena le migliori atlete della disciplina provenienti da tutto il mondo, in preparazione della massima competizione 2017, il Campionato del Mondo, che ti terrà sempre a Pesaro per 5 giorni, dal 30 agosto al 3 settembre, con 57 nazioni e dirette televisive no-stop. Pesaro ospiterà anche il miglior volley mondiale del momento, con l’unica tappa italiana della World League 2017 di pallavolo maschile: dal 2 al 4 giugno l’Adriatic Arena ospiterà le Nazionali di Italia, Brasile, Polonia ed Iran, in sei incontri che coinvolgono le squadre ai primi posti del ranking mondiale. Sono previste dirette tv per ogni singola partita.

Info utili per seguire la Tirreno-Adriatico:
– L’hashtag ufficiale è #Tirreno
-La Fanpage Facebook è Tirreno Adriatico
– Il profilo Twitter è @TirrenAdriatico
– Il profilo Instagram è @tirreno_adriatico

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *