Fave dei morti: la ricetta di Ognissanti nelle Marche

Oggi vi invitiamo a preparare le fave dei morti, piccoli biscotti il cui profumo si diffonde nelle cucine marchigiane durante le festività di Ognissanti. Sapete perché le fave dei morti si chiamano così? In epoca romana le fave simboleggiavano le anime dei defunti che, secondo la leggenda, tra il 1° e il 2 novembre si risveglierebbero dall’aldilà e tornerebbero tra i vivi. Per questo motivo è antica tradizione che le fave dolci siano sfornate nelle Marche e in diverse zone d’Italia per ricordare i propri cari scomparsi.

La preparazione delle fave dei morti varia da regione a regione e da famiglia a famiglia, ma le mandorle sono sempre l’ingrediente principale.

Noi vi proponiamo la versione di nonna Maria: quarant’anni fa una cliente del negozio di alimentari che aveva a Loreto, le ha regalato la ricetta che, assaggio dopo assaggio, è stata perfezionata grazie all’esperienza e ai consigli delle persone che le hanno gustate.

Vi consigliamo di provare le fave dei morti con il vino cotto o il vin santo, ma sono ottime anche da sole.

Siete pronti per prepararle? Ecco gli ingredienti con la preparazione passo passo e la videoricetta!

Ingredienti per circa 90 fave dei morti

  • 200 g di mandorle sgusciate
  • 130 g di farina
  • 250 g di zucchero
  • 2 noci (30 g) di burro
  • 2 uova
  • la scorza grattugiata di un limone
  • un pizzico di cannella in polvere
  • una bustina di vanillina (facoltativa)
Gli ingredienti necessari

Gli ingredienti necessari

Preparazione

  • Macinare finemente le mandorle
  • Mescolare le mandorle macinate con la farina e la vanillina (facoltativa)
  • Aggiungere lo zucchero, la cannella e la scorza di limone grattugiata
  • Disporre il composto a fontana, metterci il burro e incorporare a poco a poco le uova
  • Impastare fino a ottenere un composto omogeneo
  • Dividere l’impasto in rotolini e tagliare ogni rotolino in parti lunghe circa 3 cm
  • Formare delle palline e premere con il dito sul centro
  • Cuocere in forno preriscaldato e preferibilmente ventilato a 180° per 12 minuti: dato che il tempo di cottura potrebbe variare in base al forno, vi suggeriamo di sfornare le fave dei morti quando sono leggermente dorate per far sì che rimangano morbide
Alcune fasi della preparazione

Alcune fasi della preparazione

Siamo certi che vi piaceranno, perché le fave dolci sono tanto semplici e veloci da preparare quanto buone: una tira l’altra! Siete d’accordo con noi?

Un invitante vassoio di fave dei morti

Il “prodotto finito”: un invitante vassoio di fave dei morti

Info utili

Ti potrebbe interessare anche...

One thought on “Fave dei morti: la ricetta di Ognissanti nelle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *